Nuovo club Inner Wheel a Sanremo

Mercoledì 24 giugno, inizio attività alla presenza della governatrice del distretto 204, Barbara Milella Chiosso

Un nuovo club Inner Wheel è nato a Sanremo, un impegno nell’associazionismo sociale al femminile che ha coinvolto un gruppo di donne pronte ad impegnarsi per incoraggiare gli ideali di servizio, culturale, umanitario e promuovere la comprensione internazionale.

Continua a leggere “Nuovo club Inner Wheel a Sanremo”

Cura per l’Ambiente e attenzione al Sociale nei service dell’Inner Wheel di Peschiera

Gabriella Poli – Peschiera del Garda – Cura per l’Ambiente e attenzione al Sociale i due argomenti oggetto dei service dell’Inner Wheel di Peschiera per l’anno innerino 18/19. Continua a leggere “Cura per l’Ambiente e attenzione al Sociale nei service dell’Inner Wheel di Peschiera”

Leda e il cigno, l’affresco di Pompei spunta dalla lava durante la visita dell’Inner Wheel alla cittadella romana

Gabriella PoliPompei – Leda guarda languidamente lo spettatore mentre Zeus, sotto le mentite spoglie di un bianco cigno, la seduce. Secondo il mito insieme con il marito Tindaro, re di Sparta, diventerà il padre dei suoi quattro figli, i gemelli Castore e Polluce, ma anche la bella Elena, nel cui nome si scatenerà la guerra di Troia, e Clitennestra, che diventerà la moglie del re Agamennone. La scena è in un grande affresco ritrovato sulla parete di una camera da letto restituita recentemente alla luce a Pompei. Continua a leggere “Leda e il cigno, l’affresco di Pompei spunta dalla lava durante la visita dell’Inner Wheel alla cittadella romana”

I sette angeli della Breast unit. Conferenza dell’Inner Wheel di Peschiera del Garda. Donne mai più sole ad affrontare il cancro al seno

Gabriella Poli – Peschiera del Garda – Sono sette le dottoresse della Breast Unit della clinica Pederzoli di Peschiera che si occupano, ognuna per la propria specializzazione, delle donne colpite di cancro al seno nel difficile percorso della malattia.

Tra loro la case manager, una nuova figura sanitaria che prende in carico la paziente dal momento della diagnosi e la accompagna, la sostiene, la informa e le organizza il percorso nelle diverse tappe, dalla terapia chirurgica a quella oncologica, alla fisiatria e al follow up. La case manager, prevista da un decreto regionale Veneto rappresenta il trait d’union tra i vari specialisti e tra questi ultimi e la paziente. Una assoluta novità che evita confusione nei soggetti già indeboliti dal male e li indirizza in tutte le tappe del percorso. Le donne non sono più sole quindi ad affrontare i vari passi necessari per procedere nella cure.

Se ne è parlato recentemente (mercoledì 14 novembre ndr) nella conferenza organizzata dall’Inner Wheel di Peschiera, che presiedo, nella sala del Fiore dove, per la prima volta in assoluto da quando è stata fondata la Breast Unit, le sette professioniste si sono ritrovate insieme in un incontro pubblico.

Le relatrici, coordinate in questa occasione dalla dottoressa Mara Tonegutti, responsabile del servizio di diagnostica e le radiologhe Silvia Brunelli e Michaela Faroni, Anna Acerbi, responsabile della chirurgia senologica, Cristina Pegoraro, oncologo clinico, Monica Pasqualini, chirurgo plastico e la case manager Carmela Palmisano, dottoressa in scienze infermieristiche ed ostetriche, hanno esposto le loro esperienze nei settori della prevenzione, gli stili di vita, le metodiche diagnostiche, le modalità terapeutiche chirurgiche, oncologiche e di ricostruzione estetica della mammella.

Altra figura indispensabile nella Breast Unit è quella delle volontarie dell’Associazione Rosa Alba di Peschiera che supportano le donne colpite da neoplasia al seno sostenendole per una completa riabilitazione sotto l’aspetto fisico, psicologico e sociale.

Comunicazione e nuove tecnologie per proiettare l’Inner Wheel nel futuro e sostenere la dignità del mondo femminile

Gabriella Poli – Padova – E’ la comunicazione il punto cruciale attorno al quale si sviluppa il futuro dei club innerini. Una considerazione che ha occupato buona parte del tempo assembleare nella prima distrettuale dell’Inner Wheel, tenutasi a Padova lo scorso sabato. Il Distretto 206 che racchiude territori del Nord Est, governato quest’anno da Anna Paggiaro Tallon punta dunque su una maggiore comunicazione tra i club e le socie anche attraverso le nuove tecnologie e specialmente i social.

Una comunicazione in tempo reale è infatti utile per uno scambio di informazioni con lo scopo di perfezionare programmi, iniziative e organizzare eventi. Il tutto finalizzato a sostenere la società attraverso i consueti service che anche quest’anno sono principalmente indirizzati alle donne, alla loro salute, al loro diritto all’auto determinazione, alla loro dignità. Non mancano anche iniziative contro fenomeni sociali deprecabili, che tanto danneggiano le nuove generazioni, come il cyberbullismo.

In tutto il mondo l’Inner Wheel si sta muovendo con un comune obiettivo racchiuso in sintesi in un progetto internazionale denominato “Caring women and girls” e nel motto della presidente internazionale Christine Kirby “Empower and evolve”.

3979 club nel mondo e oltre 108 mila socie stanno combattendo, a volte in condizioni molto difficili, per affermare i propri diritti basilari di salute e dignità anche in Paesi nei quali la figura femminile è ancora vista in posizione di inferiorità. E lo fanno entrando nelle scuole e nelle comunità, con iniziative di informazione e prevenzione per potenziare, rafforzare ed evolvere “empower and evolve” appunto.

Interventi interessanti a sostegno delle tesi sopra accennate sono stati apportati, oltre che dalla governatrice Anna Paggiaro Tallon, dalle presidenti dei club padovani ospitanti Manuela Covin e Isabella Lombardo Marani, dalla presidente del Consiglio nazionale Annamaria Falconio Di Trapani, dalla rappresentante nazionale Gemma Pirondini Venuti, dalla segretaria distrettuale Donatella Nicolich Polizzi, dall’Editor e responsabile Internet distrettuale Cristina Galletti Pagliani, dalle due chairman all’espansione e ai servizi internazionali, Ottilia Caltabiano Lanari e Anna Cotta.