Editoriale

Nello spazio creativo si cela il futuro

Difficile riflettere ad alta voce senza cadere nella retorica. Quando poi la materia di riflessione è l’espressione artistica è quasi impossibile. Critici, storici, sociologi analizzano, catalogano, cercano di spiegare attraverso modelli matematici, l’evoluzione del pensiero che diventa vivo e si trasforma in opere.

Solo alcune di queste sono arte. Molte sono soltanto volgarità e speculazione da parte di chi ne fa un mercato fine a se stesso, nel quale gli artisti vengono sempre sfruttati e ingannati da falsi allori che impediscono loro di crescere. E, se non cresce l’artista, non cresce nemmeno la società che della sua arte fruisce e nello stesso tempo ne è lo specchio. Che nel bello e nel sublime si esalta quando è in equilibrio, si rifugia quando l’orizzonte si rabbuia. Che nei momenti più duri, quando la fiducia nel prossimo sembra svanire, ha bisogno di ricordare che quel prossimo è anche capace di pensieri così elevati e maestrie e sensibilità e abilità che possono risollevare spirito e corpo.

Tutto ciò che sa creare suggestioni, emozioni, che sa affinare il gusto, in un interscambio continuo tra dentro e fuori, tra spirito e materia, tra astratto e concreto, per un tutt’uno semplice ma non semplicistico, essenziale ma non misero, si può chiamare arte.

Per crescere nella consapevolezza di una scienza e una tecnologia, una economia e una finanza più vicine all’individuo, al servizio dell’individuo e non viceversa; perchè furbizia e diplomazia non siano più considerate qualità ma vengano chiamate con il loro nome: truffa e falsità, inganno, cialtroneria ci vuole il pensiero elevato della creazione artistica. E chi si nasconde dietro usi e costumi della società contemporanea mente anche a se stesso.

Ci sono valori primari che sono trasversali a tutte le culture e società, a tutte le epoche. Sono quelli del rispetto della dignità e del diritto di esistere di uomini e animali, di piante e di ambienti naturali che sono anche i luoghi dello spirito. Nello spazio creativo si cela il futuro, l’unica dimensione nella quale l’uomo ha la consapevolezza di vivere.

Gabriella Poli

Categorie:Editoriale

Con tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...