Incontro con Paolo Crepet, l’uomo che vive nel futuro, al Senior festival di Peschiera del Garda, nella serata organizzata da Sos violenza domestica

Gabriella Poli – Peschiera del Garda – Ho sempre pensato che il futuro fosse la dimensione ideale. Un futuro teso al miglioramento in tutti i campi, al raggiungimento di traguardi ambiziosi, allo sviluppo di progetti professionali, di sogni da realizzare e povero di invidia e viltà. Ne parlavo a Milano, anni fa, con l’amico Italo Piccoli, docente di sociologia alla Cattolica e quando gli dissi testualmente “L’uomo può vivere solo nel futuro”, rimase colpito. Erano gli anni ’90 in piena New Age dove il “qui e ora” imperava. Ma il presente paga solo chi decide di vivere rassegnato a far passare il tempo giorno dopo giorno fino a che passa anche la vita. L’uomo che vive nel futuro è un concetto visionario che ha messo nero su bianco, tra l’altro, Paolo Crepet, ieri sera a Peschiera in una conferenza nell’ambito della terza edizione del Senior Festival organizzata dall’associazione Sos Violenza Domestica.

Perché il pensiero del futuro mantiene vivi e vitali anche gli anziani, i quali finché pensano a realizzare progetti non sentono il peso degli anni e sopportano più serenamente le magagne del presente. Ma la progettualità del domani è indispensabile soprattutto per le giovani generazioni che non possono limitarsi a vivere parandosi dietro le indiscutibili difficoltà a trovare lavoro. Anche le generazioni passate hanno avuto difficoltà nel lavoro ma hanno affrontato fatica, privazioni e responsabilità, hanno studiato e si sono preparate alla professione seriamente. Senza sacrificio, sforzo personale e progetto si resta fermi nel presente a passare giornate e serate inutili. Ecco perché la sana ambizione è un concetto che fa muovere il mondo. Non importa se si sbaglia, una, due, cento volte. L’azione ragionata e eticamente corretta è vincente, chi agisce è vincente. Al coraggio di affrontare le difficoltà e progettare un domani migliore si affianca la passione che ha reso grandi e spesso longevi artisti e uomini famosi.

Ecco dunque che passione e coraggio rappresentano quella marcia in più che può sconfiggere anche la vecchiaia e la malattia. Che può salvare dal baratro le nuove generazioni deboli e inconcludenti, non vaccinate alla fatica del pensiero, del sublime semplice, della bellezza dell’arte e della cultura, indebolite dalla scuola di stato, permissiva e senza valori…

Crepet, psichiatra, sociologo, scrittore e grande affabulatore, ha trovato consensi nella platea dei senior, guidata dall’assessore Massimo Oliva, organizzatore del Festival e dal manager e storico dott. Carlo Scattolini. La serata si è conclusa con autografi dell’autore sui due libri presentati “La passione” e “Il coraggio”, appunto.

Autore: GABRIELLA POLI

Giornalista professionista, iscritta all'Albo professionale dal 1988, ho maturato diverse esperienze nel campo della carta stampata, della radio (Radio RPL, Antenna 3) e della televisione (Rai e Mediaset, Tele Antenna 3). Dottorato internazionale in Tecniche della Comunicazione indirizzo Giornalismo. Sono stata, tra l'altro, direttore di testata giornalistica. Ora mi diletto di argomenti vari quali l'Arte, i viaggi e l'enogastronomia e scrivo libri. (guide di viaggio per la RCS e libri di restauro e arte per l'Editoriale l'Espresso) e romanzi: La sinfonia dei Templari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...