Roma – “Leonardo da Vinci, la scienza prima della scienza” alle Scuderie del Quirinale fino al 30 giugno

Gabriella PoliRoma – “Leonardo da Vinci, la scienza prima della scienza” in mostra alle Scuderie del Quirinale fino al 30 giugno, allestita in collaborazione con il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia e alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano celebra il Maestro Toscano nel 500° anniversario della sua morte, si dipana nella fitta trama di relazioni culturali e artistiche che hanno caratterizzato il periodo tra il ‘400 e il ‘500 italiano.

Curata da Claudio Giorgione, curatore del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, Leonardo da Vinci, la mostra indaga l’opera vinciana attraverso preziosi disegni e manufatti originali, modelli storici e manoscritti, tra cui l’unico libro con sue annotazioni autografe.

“La mostra – spiega lo storico dell’arte Simone Bertelli, assistente del curatore, in una intervista video all’AP (Associated Press) – è articolata in dieci sale. Ogni sala è contraddistinta da un disegno, un modello, uno scritto dai quali si sviluppa un argomento”.

Le sezioni esplorano con oltre 200 opere i grandi temi affrontati da Leonardo, sul versante del pensiero tecnico e umanistico.

“La grande lezione di Leonardo, valida ancora oggi – prosegue Bertelli – è la curiosità di capire i meccanismi, di guardare dentro le cose come lui fa nei suoi disegni, nei vari ambiti, anatomia umana o macchina. Una delle massime più importanti che esprime è che la scienza è figlia dell’esperienza. A lui non bastava studiare sui libri ma doveva sperimentare sul campo in un esperienza diretta”.

In mostra si potranno ammirare anche dieci disegni originali appartenenti al prezioso Codice Atlantico, custodito dalla Biblioteca Ambrosiana, raramente esposti al pubblico, insieme ad una vasta selezione di modelli storici, provenienti dal Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci. La mostra propone poi un altro elemento di altissimo valore: i portelli originali della chiusa di San Marco del Naviglio di Milano, rimasti in uso fino al 1929.

Autore: GABRIELLA POLI

Giornalista professionista, iscritta all'Albo professionale dal 1988, ho maturato diverse esperienze nel campo della carta stampata, della radio (Radio RPL, Antenna 3) e della televisione (Rai e Mediaset, Tele Antenna 3). Dottorato internazionale in Tecniche della Comunicazione indirizzo Giornalismo. Sono stata, tra l'altro, direttore di testata giornalistica. Ora mi diletto di argomenti vari quali l'Arte, i viaggi e l'enogastronomia e scrivo libri. (guide di viaggio per la RCS e libri di restauro e arte per l'Editoriale l'Espresso) e romanzi: La sinfonia dei Templari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...